Salzkammergut: la meravigliosa regione austriaca costellata dai laghi

L’Austria è uno stato senza sbocco sul mare, situato nell’Europa centrale, sul versante settentrionale della parte orientale dell’arco alpino: ben tre quinti del paese sono occupati da territorio alpino.

In compenso, però, non scarseggiano certo fiumi e soprattutto laghi: gran parte del territorio del paese (80.566 km²) è infatti compreso nel bacino del Danubio e quindi del Mar Nero. Fanno eccezione il Vorarlberg (2.366 km²) che è compreso nel bacino del Reno e quindi del Mare del Nord e una piccola parte del Massiccio Boemo (918 km²) che è tributario dell’Elba tramite il fiume Moldava.

terra dei laghi austria

 

Il lago più grande si trova invece nello stato del Burgenland, il poco profondo lago di Neusiedl (Neusiedler See) con una superficie di 315 km², di cui circa 240 km² situati in territorio austriaco, poi seguono l’Attersee (46 km²) e il Traunsee (24 km²). Inoltre, una piccola parte della sponda orientale del lago di Costanza (complessivi 536 km²) fa parte del territorio austriaco (Vorarlberg).

Ma c’è una regione che, oltre ad essere ricca di sale, di natura e di attrazioni culturali, è ricca di laghi: si tratta della meravigliosa Salzkammergut, una regione da scoprire in ogni stagione dell’anno.

Il Salzkammergut si presenta con montagne e laghi mozzafiato, tra Austria Superiore, Salisburgo e Stiria.

Già il nome è indicativo della meraviglia del posto: nel nome troviamo infatti la parola “gut” , cioè “bene”.

Il nome Salzkammergut deriva dal termine tedesco Salz, sale, infatti già all’epoca dei celti l’area era nota per le miniere di sale. Fino al XIX secolo, del resto,  il Salzkammergut era sottoposto al controllo diretto della Hofkammer, “l’ufficio del sale” della corte di Vienna che amministrava il monopolio del sale.

Chi soggiorna nel Salzkammergut sta semplicemente bene, e ciò dipende sicuramente dalla incomparabile bellezza dei paesaggi, con le imponenti montagne, che fanno da impressionante cornice alle molteplici possibilità che il Salzkammergut offre per tempo libero e sport.

La Salzkammergut è un eldorado per gli escursionisti con i suoi 4.150 km di sentieri segnalati. La Salzkammergut si contraddistingue per le sue stazioni sciistiche moderne: la più grande stazione sciistica per famiglie (Dachstein-West: 140 km di piste), la più lunga discesa dell’Austria Superiore (Obertraun-Dachstein-Krippenstein: 11 km) e il Tauplitz (40 km di divertimento sulle piste). La Salzkammergut è famosa anche per la neve assicurata e per le piste adatte al freeride.

La varietà di paesaggio della Salzkammergut è caratterizzata da un totale di 76 laghi – Attersee, Mondsee, Traunsee, Wolfgangsee, Hallstätter See, Altausseer See – solo per citarne alcuni.

Scoprire il Salzkammergut in estate significa proprio trovare laghi trasparenti, che luccicano al sole estivo ai piedi di maestose cime di chiara roccia calcarea. Essi sono rinomati a livello internazionale anche perché hanno visto alloggiare nei secoli personalità di un certo calibro: a St. Wolfgang per esempio era solito l’alloggio di Sissi con il suo amato Franz durante l’estate, mentre a Ischl il re del walzer, Johann Strauss aveva la sua villa e la cittadina di Strobl incanta ancora oggi con il suo inconfondibile charm che è possibile ammirare anche dal monte Schafberg che si raggiunge facilmente con la funivia Schafbergbahn.

La regione del Fuschlsee ha invece un incredibile panorama naturale,  con il suo lago blu turchese ed i soleggiati rifugi di montagna. Perfetto per ciclisti e mountain-bike, famiglie ed escursionisti.

I lidi balneari offrono poi ogni tipo di sport acquatico. Il rafting in questa zona è un’avventura in acque purissime. Il paese di Fuschl dista meno di 25 km da Salisburgo e da Strobl al lago Wolfgangsee si è in 40 minuti nella famosa città di Mozart.

La qualità dell’acqua dei laghi del Salzkammergut è del resto eccezionale: si potrebbe bere. Molto meglio è, però, farci il bagno, farci gite in battello o più semplicemente godersi la pace sulle loro rive.

Il fascino antico della monarchia asburgica, usanze popolari molto sentite e la moderna cultura contemporanea s’incontrano nel Salzkammergut fondendosi armoniosamente nei tanti, deliziosi paesi in riva ai laghi.  Il paesaggio di Hallstatt-Dachstein è patrimonio Unesco anche per le presenza delle miniere di sale che risalgono a 7000 anni fa.

Naturalmente fondamentale è anche l’aspetto culinario: aglio corvino, finferli di bosco, speck affumicato, variazioni di canederli, formaggi profumati d’alpeggio e grappe che scaldano il cuore.

Per rendersi conto della sapienza e della particolarità gastronomica di questa regione basta avvicinarsi a un ristorante tipicamente austriaco, ai piatti cucinati con sapienza e prodotti locali, tradizionali e spesso anche biologici.

E per orientare i viaggiatori è nata la Via Culinaria, una guida con 8 temi gastronomici, che include oltre 200 indirizzi, fra ristoranti e produttori d’eccellenza.

Il Salzkammergut è comunque rinomato ed apprezzato non solo per le sue bellezze naturali ma anche per quelle culturali grazie soprattutto al villaggio di Hallstatt, considerato la culla della cultura mondiale.

Fra i paesi più caratteristici c’è anche St.Wolfgang, con le sue case in legno e i bei panorami sul lago. A  Sankt Wolfgang non si può non visitare il Santuario, con gli spettacolari organi e i pulpiti in stile gotico e barocco, e poi fare un giro verso l’osteria “Al Cavallino Bianco”, la locanda che ha ispirato l’idea per la famosa operetta.

terra dei laghi

 

Molto grazioso è anche il paese di Mondsee, “il Lago della luna”: fra le belle casette del centro spicca la facciata dell’enorme basilica di San Michele. La chiesa, che fino al secolo XVIII era sede di un importante monastero, è stata teatro delle riprese del film “Tutti insieme appassionatamente” . Vi è stata girata la scena del matrimonio fra il comandante e la governante, interpretata da Julie Andrews.

A conferma di tutto, nel 1997 l’Unesco ha inserito la zona dei laghi austriaci nelle località Patrimonio dell’Umanità.

Non c’è un posto più bello nei nostri tempi… ” racconta una vecchia canzone popolare, ed effettivamente è difficile non essere d’accordo.